Barriere architettoniche: perché è importante abbatterle

disabilita-vacanzaTutti dovrebbero avere le stesse opportunità, indipendentemente dalla propria situazione personale fisica. Uno dei più grandi limiti in questo senso è rappresentato dalle barriere architettoniche, ovvero quegli ostacoli che impediscono o limitano gli spostamenti delle persone disabili, o di coloro che hanno una capacità sensoriale o motoria limitata.

Quando si parla di barriere architettoniche, ci si riferisce in maniera particolare alle scale, sia fuori che dentro casa, ai marciapiedi in città che a volte non hanno delle rampe per salire e scendere, ma anche alla difficoltà oggettiva di alcune persone di poter usare un bancomat posto troppo in alto. In generale, diciamo che qualunque cosa sia limitante e non permetta di svolgere questioni quotidiane in maniera autonoma, è una barriera architettonica.

Per avere una società degna di tale nome è fondamentale lavorare ancora tantissimo sulle barriere architettoniche e rimuoverle completamente. Non è concepibile, oggi, un posto dove non si possa girare in maniera libera pur stando su una sedia a rotelle, ad esempio. Così come non si può pensare di non avere la libertà di muoversi dentro casa propria a causa di scale o altri ostacoli simili.

Anche la legge, d’altronde, non è completamente chiara. Benché l’abbattimento delle barriere architettoniche, disciplinato tra gli altri dal Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, affermi che tutti gli edifici esistenti, sia residenziali che aperti al pubblico, debbano essere soggetti a norme precise per l’abbattimento delle barriere, non impone a tutti gli stessi obblighi.

Cosa bisognerebbe fare per migliorare la situazione generale? Per prima cosa bisognerebbe rendere tutti gli edifici accessibili, procedendo dunque all’installazione di piattaforme levatrici o montascale. E’ importante, in questo caso, rivolgersi ad aziende professionali come il produttore di montascale Encasa, che sapranno proporre la situazione migliore per le specifiche esigenze.

Inoltre, c’è bisogno di coltivare la cultura dell’accessibilità, tenendo presente che anche un semplice gradino a volte potrebbe essere un ostacolo difficile o addirittura insormontabile. Tale concetto prevede pensare ai portatori di disabilità prima di tutto, creando o modernizzando gli edifici e le aree pubbliche in generale in maniera tale da essere assolutamente accessibili.

E’ importante curare l’approccio alle barriere architettoniche, è questo che ci rende una società migliore.